I documenti di prova di Epic v. Apple rivelano nuove informazioni finanziarie sul successo di Fortnite

Fortnite ha servito per il 97% nel 2018 e l’88% nel 2019 delle entrate totali generate da Epic Games, secondo i documenti presentati nel Epic Games v. Apple oggi udienza del processo antitrust.

1

Negli ultimi tre anni, Epic ha guadagnato oltre $ 15 miliardi di entrate. Epic ha incassato $ 5,7 miliardi nel 2018, l’anno successivo al rilascio di Fortnite ciò ha visto la società catapultarsi da un importante studio di giochi indipendente a un’azienda tecnologica multimiliardaria. Nel 2019, Epic ha incassato 4,2 miliardi di dollari e nel 2020 5,1 miliardi di dollari, hanno rivelato i documenti. Le rivelazioni finanziarie erano tra le nuove informazioni portate avanti durante il primo giorno di processo nella storica causa, che probabilmente durerà per la maggior parte di maggio.

Epic ha anche rivelato di aver sovrastimato le sue entrate previste nel 2019 di oltre 390 milioni di dollari. La società ha dichiarato nei documenti che prevedeva di guadagnare $ 154 milioni in più dalle competizioni di eSport, incluso il Fortnite Coppa del mondo, di quanto effettivamente generato. Dato che Epic non è una società quotata in borsa, i documenti sono una prima occhiata per il pubblico all’interno dei dati finanziari dello sviluppatore.

La prova di lunedì ha visto il primo di molti dirigenti tecnologici e di gioco di alto profilo che testimonieranno: il CEO di Epic Games Tim Sweeney. Per tutto lunedì, gli avvocati che rappresentano Apple ed Epic hanno presentato le loro argomentazioni di apertura e poi hanno interrogato Sweeney.

renderimage

Sweeney ha testimoniato per più di due ore. Ha risposto a domande che vanno dalle basi, come identificare certe console di gioco per il record e abbattere il gergo dei videogiochi, a quelle più difficili, incluso il motivo per cui ha aspettato così tanto per perseguire Apple su quello che Epic descrive come comportamento anticoncorrenziale.

“Mi ci è voluto molto tempo per realizzare tutti gli impatti negativi delle politiche di Apple”, ha detto Sweeney. “Siamo arrivati ​​al punto in cui Apple guadagnava più soldi vendendo il prodotto di uno sviluppatore sull’App Store di quanto lo sviluppatore stesse facendo da solo”.

I documenti divulgati nel processo hanno anche evidenziato le piattaforme in cui Fortnite fa più soldi per Epic. In un documento che confronta le commissioni raccolte da ciascuna piattaforma, gli utenti hanno acquistato più V-Bucks sui sistemi PlayStation rispetto a qualsiasi altra piattaforma da settembre 2017. Come Apple, Sony prende anche una riduzione del 30% di tutti i ricavi generati dai giochi sulle sue console.

Nelle loro argomentazioni di apertura, Epic e gli avvocati di Apple hanno dipinto immagini molto diverse per il giudice che alla fine deciderà l’esito in un processo senza giuria.

Gli avvocati di Epic si sono concentrati su un “giardino recintato”, la loro descrizione dell’ecosistema di Apple attorno a iOS e hanno affermato che molte delle pratiche di Apple, comprese le sue politiche sui processori di pagamento di terze parti, sono anticoncorrenziali. Quegli avvocati hanno sostenuto che non c’è distinzione tra iOS e Mac OS, in termini di sicurezza, eppure Apple consente il sideload – l’installazione di software di terze parti scaricato al di fuori dell’App Store – su Mac, ma non su iPhone e iPad. Secondo Epic, le scelte politiche di Apple non erano a beneficio dell’utente, ma piuttosto se stesso.

Apple ha contestato la posizione di Epic, affermando che ci sono differenze molto grandi tra iOS e Mac OS e che la sua commissione del 30% su iOS è in linea con il resto del mercato, sia su Steam, Xbox, PlayStation, Nintendo Switch o altre piattaforme. Apple ha tentato di minimizzare il significato del caso, sostenendo che il caso era localizzato nei giochi e non ha influenzato altri settori dello sviluppo di app.

renderimage

Il processo continuerà fino a martedì e potrebbe durare fino al 24 maggio. Molti testimoni di alto profilo, tra cui il CEO di Apple Tim Cook e dirigenti di Microsoft e altri, testimonieranno nei prossimi giorni.

3

Suscribete a la Newsletter
Aceptas nuestras politicas de privacidad?